La Scherma – terza parte

Cari CdA

dopo quella olimpica e quella storica, è venuto il momento di parlarvi della scherma forse più celebre a livello planetario, che ha fatto sognare più o meno tutti e che ispira le movenze grottesche e scimmiesche di ogni profano che si cimenta per la prima volta con un ferro in mano: signore e signori, la scherma artistica!

guywilliamszorroZorro (quello finto, perché quello vero sapete bene chi è), Scaramouche, i Moschettieri, per i nonni, Inigo Montoya, Braveheart, Maximus, per i babbi, Jack Sparrow per i nipoti, cui aggiungo per completezza i Jedi, sono gli eroi armati d’acciaio (o laser) che da sempre infiammano (col laser è più facile) gli spiriti dei romantici ed eroici sognatori dell’orbe terracqueo.

Menzione necessaria anche per gli epici rappresentanti delle tradizioni di altri continenti, Asia in particolare, ma come avrete già intuito è mio dovere concentrarmi sulla tradizione europea, pertanto, rassegnatevi, non vi parlerò di Samurai o spadaccini con gli occhi a mandorla (e nemmeno di Kung-fu Panda) per quanto siano una rappresentanza notevole di questo affascinante settore della scherma.

Settore che è molto più antico di quanto si possa immaginare, tanto quanto l’invenzione del teatro, da quello greco e poi romano, rappresentante gli eroi combattenti della mitologia classica (Ulisse, Achille, Ettore… ETTOREEE!!!!), fino alla moderna cinematografia, passando per il teatro shakespeariano e la commedia eroica (un naso su tutti, Cyrano de Bergerac); pensate, pare sia stato un maestro di scherma di Padova, Salvatore Fabris, ad aver collaborato nella prima messa in scena dell’Amleto, nel 1603.

spectacle escrime artistique pezenasLa scherma artistica prevede un lavoro lungo e difficilissimo di ideazione, progettazione, preparazione e realizzazione di ogni performance, al pari di quello svolto dalle compagnie teatrali, con l’unica differenza che se un attore dimentica o sbaglia una battuta rimedia, mal che vada, una figuraccia, mentre uno schermidore artistico rischia di ferirsi anche gravemente.

A questo si aggiunge il fatto che lo schermidore artistico non sempre ha a disposizione un terreno di esibizione perfetto, ma può essere costretto dalle esigenze di scena a muoversi in condizioni di equilibrio precario e ad utilizzare le abilità acrobatiche tipiche di un ginnasta.

imageGrandi maestri di scherma hanno dedicato la loro vita e la loro professione al teatro e al cinema, pur vantando tradizioni personali e familiari legate alla scherma da combattimento o da competizione; per citarne solo alcuni, tra i più celebri, l’italiano Enzo Musumeci Greco (Ben Hur, El Cid), il francese Claude Carliez (il Tulipano nero, Capitan Fracassa) e l’inglese Bob Anderson (la Storia fantastica, Guerre stellari… sì, avete capito bene, l’inventore della scherma jedi era un maestro di scherma, sciabolatore, per la precisione).

La scherma artistica è la madre rinnegata e vilipesa della scherma storica contemporanea, dato che la maggioranza dei gruppi di scherma e rievocazione storica la disprezza, considerandola una buffonata, senza rendersi conto che una coreografia schermistica coerente con i trattati originali, eseguita in abito storico e rappresentante un fatto storicamente accaduto è una forma di scherma artistica.

La scherma artistica dispone inoltre di un settore sportivo ad essa dedicato, promosso dall’Accademia d’Armi Internazionale, che organizza ogni quattro anni il Campionato del Mondo di Scherma Artistica, un po’ come la ginnastica artistica o ritmica, basandosi su performances a solo, a coppie e in gruppo, di ispirazione sia storica che fantasy e giudicate da una giuria di esperti, in maggioranza maestri di scherma; il prossimo appuntamento iridato sarà a Kolomna, Russia, nel luglio 2016.

La Compagnia della Spada pratica la scherma artistica fin dalla sua nascita, nel 1995, nel 2008 alcuni di voi CdA hanno partecipato al Campionato del Mondo di Scherma Artistica (San Marino) ed ora… che ne dite, proviamo ad andare in Russia?

Abbiamo considerato quasi tutte le forme di scherma praticabili, ma ne manca ancora una… (continua)

Posted in Pensieri spadaccini.